Piano Casa, in veneto si lavora per la proroga dei termini

APPROVATA IN GIUNTA LA PROPOSTA DI MODIFICHE ALLA L.R. 14/2009 “PIANO CASA”, LA PALLA PASSA AL CONSIGLIO REGIONALE

La giunta regionale ha recentemente approvato la proposta di modifiche alla Legge Regionale 14/2009, cioè la cosidetta Legge “Piano Casa” che rende attuativo il relativo provvedimento promosso dal governo Berlusconi.

Oltre alla proroga di due anni dei termini per la presentazione delle domande (quindi fino all’11 luglio 2013) la proposta approvata in giunta prevede l’applicabilità della legge per il recupero dei sottotetti in centro storico, una maggiore libertà di applicazione in zona agricola e la possibilità di ampliare gli edifici in seguito a demolizione parziale.

La proposta, espressa dall’Assessore al Territorio Marino Zorzato, segue l’andamento di molte altre regioni italiane. Visti i risultati positivi (in Veneto si parla di 22’000 domande a gennaio 2011) e il ritardo con cui si è messo in moto il meccanismo, la proroga è attesa con interesse.

Ora il Consiglio Regionale dovrà approvare la proposta, con le modifiche e integrazioni del caso, entro l’11 luglio. La speranza è che la proroga arrivi con un certo anticipo, e che vengano studiati bene i meccanismi di intervento in centro storico (con l’attuale testo normativo erano del tutto proibiti).